INDUSTRIA 4.0 - IPERAMMORTAMENTO

 INDUSTRIA 4.0 - IPERAMMORTAMENTO
La Legge di Stabilità 2019 ha introdotto l’iperammortamento al 270% per le imprese che investono nell’acquisto di beni strumentali nuovi, anche in leasing,che “favoriscono i processi di trasformazione tecnologica e/o digitale in chiave Industria 4.0”.

Dal 2019 è prevista l’introduzione di una formula in 3 scaglioni per l’applicazione dell’iperammortamento sulla base del volume di investimenti effettuati, con l’obiettivo di favorire le piccole e medie imprese.
 
La maggiorazione rispetto all’ammortamento ordinario è di: 
  • 170% per investimenti fino a 2,5 milioni € (quindi ammortamento al 270%),
  • 100% per investimenti da 2,5 a 10 milioni € (quindi ammortamento al 200%),
  • 50% per investimenti da 10 a 20 milioni € (quindi ammortamento al 150%).
A QUALI BENI SI APPLICA:
 
 
Iper Ammortamento è riservato soltanto ad alcune tipologie di beni.
In particolare, la normativa fa riferimento ai beni strumentali nuovi ad alta tecnologia, interconnessi, elencati nell’allegato A della legge di bilancio 2017, ossia i beni funzionali alla trasformazione tecnologica e/o digitale delle imprese in chiave Industria 4.0.
 
Per chiarire meglio, questi beni possono essere classificati in tre categorie: 
  • beni strumentali il cui funzionamento è controllato da sistemi computerizzati e/o gestito tramite opportuni sensori e azionamenti, i quali presentino determinate caratteristiche;
  • sistemi per l’assicurazione della qualità e della sostenibilità;
  • dispositivi per l’interazione uomo macchina e per il miglioramento dell’ergonomia e della sicurezza del posto di lavoro in logica 4.0.

SCADENZA:
Per usufruire dell’iperammortamento, il nuovo bene strumentale deve essere acquistato e "connesso" ai sistemi aziendali entro il 31 dicembre 2019 oppure entro il 31 dicembre 2020, a patto che l'ordine e il pagamento di almeno il 20% a titolo di acconto siano effettuati entro il 31 dicembre 2019.